.
Annunci online

 
enzocumpostu 
Enzo Cumpostu: cose dette e non...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Croce Rossa Italiana
Esercito Italiano
Arma dei Carabinieri
Polizia di Stato
Guardia di Finanza
Centrale Operativa 118 MILANO
118 Italia.net
On. Gianfranco Paglia (Magg. par. MOVM R.O.)
Forze Armate Israeliane
Associazione Paracadutisti d'Italia
Associazione Radioamatori Italiani
Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta
Enzo Cumpostu: biografia in sintesi
Alleanza Nazionale
Servizi Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana
NATO JFC Napoli
La Questura di Nuoro sul Web
Cap. Carla Selvestrel
  cerca

IO VIVO PER LEI... IO NON SO CHE COSA NE SARA' DELLA MIA VITA E SE MAI TROVERO' QUALCUNA CHE MI AMI E SOPPORTI MA UNA COSA E' CERTA: TU RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE. FINO ALLA FINE... 4 NOVEMBRE 1918 - 4 NOVEMBRE 2012 Quasi un secolo è passato dal primo grande conflitto armato di coinvolgimento globale o da quella che per noi italiani potrebbe essere stata la quarta guerra d'Indipendenza; centinaia di migliaia di morti in quel di Redipuglia e non solo. Fronti e trincee, ospedali da campo e ospedali militari di presidio delle volte improvvisati alla bell' e meglio in conventi, scuole, chiese. Il ruolo della Croce Rossa Italiana e di quella Internazionale, le storie di uomini e donne: americani obiettori ante-litteram e bellissime crocerossine britanniche che si incontrano e si innamorano: dietro tutta l'assurdità di una guerra non compresa da molti, ufficiali compresi. Dedicato a una Donna Speciale: film "Addio alle Armi" con Rock Hudson, Jennifer Jones, vittorio De Sica e Alberto Sordi. THE MASTER OF THE GUITAR: ABSOLUTELY (VIDEO EMBEDDED FROM THE BBC BRITISH BROADCASTING CORPORATION)

Silendo Libertatem Servo: io servo la libertà in silenzio; questo era il motto dei cosiddetti "Gladiatori" appartenuti per circa quarant'anni alla famosa organizzazione NATO conosciuta come "Stay Behind". Prossimamente un articolo che considererà le due facce della medaglia: la Gladio ufficiale e quella non ufficializzata e smentita da tutti coloro che ne fecero in un certo qual modo parte definita "Gladio delle Centurie"; due versioni su come era organizzata la Stay Behind soprattutto su quelli che furono i ruoli della medesima in Italia e all'estero.



Al di fuori della mischia:
La torre di Babele
( blog di Pino Scaccia )

http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it



DISCLAIMER ATTENZIONE:
l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori lesivi dell'immagine o della onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti offensivi, su richiesta della parte lesa, potrebbero essere dunque rimossi. Inoltre, chiunque possa vantare diritti d'autore su immagini, testi o filmati contenuti in questo blog, può segnalarmelo, per vedere ripristinato il proprio primato, al seguente indirizzo di posta elettronica: 
enzocu@tiscali.it  



La torre di Babele   



Return to Website

Powered by Technorati

Locations of visitors to this page 







banner Tocqueville
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.
Non puo' per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001.






Previsioni Meteo Nuoro


 

Diario | Il Guastafeste | Donne Speciali | Dedicato agli amici | L'altra faccia dell'Amore | Diversamente abili ma...Dinamici!!! | Di tutto un pò | Caro Enzo, ti scrivo... | Lettera aperta a... | 118, Croce Rossa e dintorni... | VideoMiscellanea | Chiacchierata virtuale con... | Politica regionale | Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo | Politica locale | Security & Intelligence | L'OSSERVATORIO ITALIA | EUROPEE 2014 CON FRATELLI D'ITALIA |
 
Di tutto un pò
1visite.

28 marzo 2018

QUANDO ABITARE E' SINONIMO DI ESSERE E NON SOLO: BREVE RECENSIONE DEL LIBRO "SOLUZIONI ABITATIVE PSICOLOGIA DELL'ABITARE" DI CARLA SELVESTREL

Recensire un opera letteraria partorita dalla mente fine ed estremamente intelligente di un' amica equivale a saperla valutare attentamente, darne un giudizio il più possibile corrispondente al vero e condivisibile da chi legge.

A mio avviso risulta essere sia un'ottima lettura per gli appassionati di psicologia in genere ma anche di chi ha la passione per tutto quanto riguardi la casa.

L'autrice è la psicologa e Ufficiale della Riserva Selezionata dell'Esercito Italiano Cap. Carla Selvestrel, impegnata anche professionalmente nel settore immobiliaristi, il titolo del libro è:
"Soluzioni abitative psicologia dell'abitare", Edizioni Libreria Progetto Padova.

Nel libro Carla Selvestrel esordisce con i significati dell'abitare partendo cronologicamente dall'antico concetto che si poteva avere in era primitiva e via via la trasformazione da luogo di riparo ed aggregazione comunitario a quello ben definito e delimitato di casa.   

E poi la funzione dello psicologo dell'abitare che collabora a contatto stretto sia con i progettisti per qualcosa di nuovo da realizzare sia con gli immobiliaristi e gli stessi proprietari.

La casa, l'ambiente che essa delimita, i colori, gli stili utilizzati: tutti aspetti sapientemente analizzati e che ci consentono di capire quanto essi possano influire - per esempio - sull'umore dei suoi abitanti.

Il libro risulta essere un valido strumento per diverse categorie professionali che a titolo diverso interagiscono o potrebbero interagire prendendo in considerazione l'acquirente e il venditore, così come il progettista.

Esaustivo e semplice anche per chi si affaccia alla psicologia dell'abitare la prima volta.

 




permalink | inviato da enzocumpostu il 28/3/2018 alle 14:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 maggio 2013

LE "PANDA TOUR" DE AVRIL: PROVENCE ET COTE D'AZUR: 11-16 AVRIL 2013


PORTOVENERE: TAPPA DI RIPOSO NOTTURNO DEL 10 APRILE PRIMA DI AVVIARCI CON LA PANDA 1.4 BIFUEL VERSO VENTIMIGLIA.


PORTOVENERE BY NIGHT





IL MARE A PORTOVENERE: PURTROPPO AVEMMO POCO TEMPO A DISPOSIZIONE PER VISITARE LA ZONA, MA TORNEREMO


AIX-EN-PROVENCE (SEMPRE DI NOTTE)




ANFITEATRO ROMANO DI ARLES, REGIONE DELLA PROVENZA



PONTE DU GARD



ST. TROPEZ





ST. TROPEZ CASERMA DELLA GENDARMERIE NATIONALE





NIZZA PLACE MASSENA


NIZZA : IL LUNGOMARE E LA PROMENADE DES ANGLAIS VISTI DALL'ALTO DEL CASTELLO


L'HOTEL NEGRESCO, SEMPRE NELLA PROMENADE: HOTEL CHE HA LA SUA STORIA




IL PORTO DI NIZZA


NIZZA PLACE GARIBALDI




permalink | inviato da enzocumpostu il 7/5/2013 alle 18:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

23 ottobre 2012

23 October 1942: in memory of all Italian heroes of the Battle of El Alamein




permalink | inviato da enzocumpostu il 23/10/2012 alle 21:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

14 giugno 2012

HAI CAPITO LE DONNE ROMANE...QUANTE NE SANNO E NE FANNO :-) DELLA SERIE: LE VENDITRICI PORTA A PORTA... "PARTICOLARI"...

 

Se parliamo di porta a porta questa volta Bruno Vespa, il foruncoloso giornalista e scrittore nelle grazie vaticane (e non solo) direi che proprio non c'entri assolutamente  nulla: parliamo delle classiche vendite che hanno dato origine a questo nome, dai venditori di aspirapolveri statunitensi degli anni trenta alle rappresentanti di prodotti per la casa e cosmetici femminili.

Ma i tempi passano e le abitudini cambiano e cambiano anche le tipologie di venditori di questo specifico settore. E venditrici, anche in Italia.
 
E a proposito di venditrici pare che in quel di Roma abbiano aperto gli occhi e si stiano tuffando in questa nupva specialità merceologica, in questo business non nuovo sopratutto nell'Europa del nord in appositi shop: ed ecco che nella città dell'abbacchio, delle belle porzioni di pastasciutta cucinata in mille maniere, della coda alla vaccinara e del tiramisù di Pompi in via Albalonga sbarcano le venditrici a domicilio di sexy toys.
 
 A'nvedi 'ste romane ao'!!! Le sarde, poi, seguiranno il trend capitolino? Mah!!!
 
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 14/6/2012 alle 16:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

29 maggio 2012

SENSO DI RESPONSABILITA'

 [rene2.gif] Con l'avvento delle nuove tecniche chirurgiche e della interazione tra elettronica, informatica, robotica con la scienza e la medicina le vite salvate attraverso la donazione sponanea di organi espiantati da soggetti donatori (per lo più deceduti improvvisamente e non affetti da patologie che comprometterebbero la riuscita del transplant) e impiantati in soggetti riceventi quale ultima spiaggia per la vita ha riscontrato sicuramente negli anni un incremento della sopravvivenza da parte dei trapiantati che via via aumenta in relazione al tempo che trascorre e ai nuovi accorgimenti, soprattutto terapeutici, per evitare il pericolo numero uno che è il c.d. "rigetto" degli organi.

Per i soggetti sani è un bene e un grande gesto di umanità e responsabilità civile dare la propria disponibilità a diventare potenziali donatori: ridare la speranza di vita quando capita l'imprevedibile e cancellare questo schifo che si legge e vede nelle cronache internazionali di vero e proprio "crimine sanitario": il traffico internazionale di organi umani che vede come protagonisti personaggi senza scrupoli e organizzazioni criminali che utilizzano metodologie mafiose e con espansione a carattere internazionale o intercontinentale.

Suspect in Kosovo organ trafficking arrested

Oms: ogni anno 10mila trapianti con reni acquistati al mercato




 




permalink | inviato da enzocumpostu il 29/5/2012 alle 16:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

15 maggio 2012

CHE NE SAI TU DI UN CAMPO DI GRANO...

 Di solito è così, ci documentiamo su una malattia, una patologìa rara o meno rara soltanto quando quest'ultima interessa noi stessi o un nostro caro, un parente, un familiare stretto. Siamo un pò troppo egoisti, diciamo la verità: e di certe malattie, che hanno anche dei connotati sociali, conosciamo solo il nome, più o meno famoso, l'eziologia a grandi linee, la sintomatologia e le conseguenze più o meno gravi che essa potrà avere nell'arco di vita del soggetto che ne soffre. 

Pensavo, per esempio, alla celiachia, alla intolleranza al glutine o meglio alla gliadina, la componente alcol-solubile del glutine e alle conseguenze non solo fisiche che si possono avere se non si procede ad una diagnosi precoce attraverso la gastroscopia e relativa biopsia duodenale. fino a quando non si ritrovano questi famosi  e maledetti anticorpi.
Basterebbe di norma una dieta rigida seguita con un certo rigore senza strafare e senza uscire dai binari, patologia che comporta anche potenziali problematiche di natura psichica, quali per esempio psicosi o nevrosi che si potrebbero manifestare nei pazienti celiaci adolescenti.

Se ne parla abbondantemente ma mai abbastanza, forse.

Ecco la pagine dedicata alla patologia dalla libera enciclopedia virtuale Wikipedia.it 

Celiachia - Wikipedia



 




permalink | inviato da enzocumpostu il 15/5/2012 alle 17:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

10 maggio 2012

EFFETTO SERRA: TUTTA COLPA DELLE PUZZETTE DI MUCCHE, VACCHE E BUOI

Quando pensiamo alle conseguenze che l'effetto serra potrà avere sull'atmosfera e quindi su tutti gli esseri che vivono questo pianeta noi associamo di riflesso e addossiamo la piena ed assoluta responsabilità dell'aggravamento del fenomeno all'inquinamento industriale, chimico e petrolchimico, ai trasporti e alle industrie in ogni loro forma.
E invece pare che questo sia un grande errore: nel senso che tra gli esseri più pericolosi ad emettere i gas più nocivi pare siano - secondo gli scienziati - i mammiferi: e gli studiosi prendono come esempio i dinosauri, che nell'era tra il Triassico e Giurassico pare siano stati tra i maggiori reponsabili nel causare quel che tutti noi conosciamo come l'era glaciale.
Gli enormi mammiferi preistorici con le loro flautolenze (dicesi anche scoreggie o se preferite che lo scriva in sardo possiamo parlare di troddie o is troddius come dicono i campidanesi e casteddai ovvero cagliaritani ) producevano una quantità enorme di gas metano e se oggi gli scienziati sono preoccuopati dei gas emessi nell'atmosfera da altri mammiferi come i bovini immaginate la differenza nella loro grande mole e le proporzioni sono fatte.
Come dire che con una scoreggia di tirannosauro o dinosauro si sarebbe potuta far funzionare una centrale termica di un grosso complesso residenziale oggigiorno.
 
Se poi pensiamo ai milioni di bovini scoreggioni (o troddioni sempre per dirla a sa sarda) e se pensiamo alle flautolenze emesse da altra tipologia di cornuti sul pianeta, stavolta su due zampe seppur mammiferi oltre che cornuti, ci tocca camminare per strada con la maschera e la tuta...NBCR(*)!!!
 

 

Il primo effetto serra del pianeta? Fu colpa delle flatulenze dei ...

 

I bovini producono più smog delle auto - Il Sole 24 ORE

 
    E, dulcis  in fundo, a completamento di informazione scientifica esaustiva di questo post:


Flatulenza - Wikipedia




permalink | inviato da enzocumpostu il 10/5/2012 alle 18:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

3 aprile 2012

ITALIANI NELLA GRANDE MURAGLIA

 Dall’amico Massimo Mariotti, veronese, già Consigliere Comunale al Comune di Verona, ricevo via e-mail questo articolo di Angelo Paratico, autore del libro dal titolo “Ben” (romanzo avvincente che ipotizza un coinvolgimento di Churchill nella morte di Mussolini e la verità storica sulla sua morte è tuttora oscura) dove si ricorda l’improvvisa morte di Luca Birindelli, figlio del più famoso Ammiraglio Gino Birindelli.

**********

LUCA BIRINDELLI, PIONIERE.

Dieci giorni fa è morto improvvisamente Luca Birindelli, avvocato romano di 55 anni e ambasciatore onorario per l’Italia dello Stato di Singapore. Un’infarto all’alba. Era stato un pioniere in Asia stabilendo per primo degli uffici legali a Hong Kong, Singapore e a Shanghai.

Molte industrie italiane che ora prosperano in Asia devono molto alla sua intraprendenza e alla sua lungimiranza.

Suo padre era stato la medaglia d’oro ammiraglio Gino Birindelli, l’eroe di Alessandria e di Gibilterra, con la V MAS poi presidente riformista del MSI. Il padre di Luca s’era spento alla veneranda eta’ di 98 anni nel 2008, ancora in possesso delle proprie facoltà mentali e in parte fisiche. Una piccola digressione storica ora, che avrebbe fatto sorridere Luca. Avevo approfittato della nostra amicizia per domandare se davvero i reduci dei MAS erano implicati nell’affondamento della corazzata Giulio Cesare, di cui Luca, come la gran parte degli Italiani, ignorava tutto. Questa nostra vecchia nave da battaglia fu ceduta alla Russia sovietica dopo la guerra, fra l’indignazione generale, assieme alla Cristoforo Colombo, Emanuele Filiberto, Artigliere, Fuciliere e ad altre unita’ di superfie e subacquee.
La Giulio Cesare sprofondò a Sebastopoli il 28 ottobre 1955 dopo una fortissima esplosione che aprì una grossa falla nella chiglia. Si parlò di 1.200 chili di Tnt. Non si seppe mai cosa la causò, ma fu una tragedia umana, amplificata dalla criminale imperizia del comandate sovietico di quell’unità: 600 marinai morti. Vi sono qui tutti gli elementi per un film: vecchi reduci della X Mas e marò britannici che partono in segreto per la loro ultima missione, inventando una giustificazione per tranquillizzare le mogli. Gino Birindelli aveva scosso la testa, rispondendo che lui no c’entrava nulla, ma il suo ambiguo sorriso sembrava dire che ne sapeva di più. Anche Luca ammise che lo aveva visto molto reticente.

 (nella foto: Luca Birindelli - Fonte fotografia: internet)
Luca mi aveva raccontato, con la sua calda e giocosa umanità, alcune delle sue peripezie. Di quando neolaureato in legge conobbe Enzo Ferrari. Il grande vecchio lo assunse e gli ingiunse di partire per gli Stati Uniti per rappresentarli commercialmente. Un’esperienza che lo formò, ma che soprattutto lo fece divertire moltissimo, essendo quelli gli anni d’oro per quel Paese.

Parlava in particolare del maggiore fallimento commerciale della sua vita: l’apertura di un ufficio legale nella Corea del Nord. Diceva che lo avevano costretto ad acquistare un’automobile con autista e con vari impiegati senza che gli fosse poi stata data la possibilità di trattare alcun affare. Dopo varie incomprensioni con le autorità comuniste lo chiuse senza aver transato alcun affare, neppure l’acquisto d’un francobollo.

Ultimamente s’era concentrato sul Shanghai, dove secondo lui apprezzano sempre di più i nostri prodotti e la nostra immagine. Io gli dicevo che era matto, e che doveva semmai concentrarsi su Taormina.

Che Shanghai è solo un villaggio Potemkin, uno specchietto per le allodole, un Ponzi elevato al cubo, la piramide funebre di Deng Xiaoping. Litigavamo amabilmente, cercando di farci lo sgambetto a vicenda, per poi riderne e continuare a stimarci.

S’era risposato con una bella ragazza, molto più giovane di lui, che per la prima volta lo aveva reso papà d’un bel maschietto.
Mancherà molto a tutti noi ferrivecchi asiatici con i suoi favoriti alla Stamford Raffles.

                                                                           Angelo Paratico (*) 

(*) 
Angelo Paratico Biografia







Nella fotografia qui sopra l'Ammiraglio di Squadra Gino Birindelli ( fonte foto: internet )

Biografia: 
Gino Birindelli   (da Wkipedia)





permalink | inviato da enzocumpostu il 3/4/2012 alle 15:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

30 marzo 2012

'Na tazzulella 'e caffe...di ventidue Euro!

 

 
L'altro giorno su Facebook ho posto  una domanda ai miei amici virtuali con i quali parlo più frequentemente sulla variazione facilmente avvertibile di gusti ed aromi del caffè macinato in vendita al dettaglio per consumo domestico ma anche quello utilizzato nelle miscele per il caffé espresso nei bar; a parte il caffè vietnamita che si afferma prepotentemente su quello brasiliano per una questione di costi all'origine, il sapore della tazzina di caffè sia al bar sia fatto a casa e preparato o con la moka o comunque le vecchie caffettiere da mettere nel fornello della cucina o con la macchinetta familiare espresso (con cialde e quelle con il macinato)  è decisamente cambiato. Un mio contatto di Facebook, tra l'altro mio cugino, mi segnala a titolo di curiosità il Kopi Luwak, il caffè più caro del mondo: circa cinquecento Euro al chilogrammo, prodotto in Indonesia in quantitativi limitatissimi: una tazzina di questo caffé in Indonesia può costare intorno ai 5 Euro, in Italia il prezzo può tranquillamente arrivare ai 22 Euro.
 
Ma cosa ha di particolare questo caffé: Leggete questo link di un articolo di 2Repubblica" datato 2003 che vi ho postato qua sotto e vi accorgerete perché, secondo me e secondo molti altri, si tratta di un vero e proprio caffé... di merda!
 
 
 
 
 
 
 

 




permalink | inviato da enzocumpostu il 30/3/2012 alle 13:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

20 marzo 2012

IL GIOCO D'AZZARDO E' UNA VERA DIPENDENZA

SE NE PARLA MENTRE VI SCRIVO ALL'ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE " S. SATTA" DI NUORO IN LOCALITA' BISCOLLAI.

ORGANIZZATO DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE - SER.D. SERVIZIO PER LE DIPENDENZE E GRAZIE ALLA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO QUALITA', FORMAZIONE E RISCHIO CLINICO DELL'ASL DI NUORO SI TIENE IL SEMINARIO:

"QUANDO IL GIOCO DIVIENE UNA MALATTIA: ASPETTI FENOMENOLOGICI, CLINICO-DIAGNOSTICI E TRATTAMENTI POSSIBILI"

IL PROGRAMMA CON L'ELENCO DEI RELATORI E MODERATORI LO TORVERETE IN QUESTA LOCANDINA CHE VI LINKO QUA SOTTO ( FONTE: SITO UFFICIALE ASL NUORO )

Seminario "Quando il gioco diventa una malattia"




permalink | inviato da enzocumpostu il 20/3/2012 alle 10:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

6 febbraio 2012

WHITE TAVOLARA ISLAND: UN'IMMAGINE DELL'ISOLA DAVVERO INUSUALE

 
( Ringrazio la mia dolcissima e gentilissima amica S.lla Katiuscia Musu per avermi dato l'opportunità di condividere su Facebook questa bellissima immagine odierna dell'isola di Tavolara)
 
 
Quando alcuni anni fa decidemmo, con Patrizia e Michelina (amica di Pat e medico nel suo stesso ospedale per la cronaca appartenente alla prima generazione di medici 118 in Italia di sesso femminile)  di passare una giornata intera (e allora mica c'era la neve semmai un sole che spaccava le meningi...) sul'isola di Tavolara, ritenemmo fosse buona cosa effettuare prima dell'approdo un giro interno all'isola medesima e a Molara e ricordo, estremamente divertito, quando la guida descrisse all'altoparlante la famiglia dei proprietari dell'isola d'un tempo, i Bertoleoni (qui sotto nel link Wikipedia troverete molte informazioni sia sull'isola che sulla famiglia) la mia amica Michelina che rideva come una sguaiata quando la guida affermò che Carlo Alberto, dopo la battuta di caccia del 1836 sull'isola, per ringraziare dell'ospitalità nominò Giuseppe Bertoleoni "Re di Tavolara" ma ella non sa che effettivamente questo è stato il più piccolo Regno al mondo anche se non èmai stata esercitata la..."sovranità"!

La Tavolara estiva la conosciamo oramai tutti: ma questa, bianca ed innevata e che ricorda ben altri luoghi e ben altre connotazioni geografiche e climatiche ci mancava proprio.

Mi sarebbe piaciuto andarci. Ora. Con chi so io...
 
E ora documentatevi bene sull'isola:

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 6/2/2012 alle 17:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

29 gennaio 2012

l'Art et la Neurologie

Secondo un articolo pubblicato il 30 Gennaio 1987 nella rivista medica a tiratura settimanale " Physichian's weekly" il sorriso della Gioconda non era altro che dovuto a una paresi del facciale causata da una infiammazione su un nervo posto dietro all'orecchio della modella che aveva posato per Leonardo Da Vinci per il celebrissimo quadro esposto al Louvre. 

Eziologia? Terapia? Se la diagnosi è stata centrata, la prognosi - per lo meno artisticamente - sul risultato finale c'ha azzeccato ...




permalink | inviato da enzocumpostu il 29/1/2012 alle 23:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

1 dicembre 2011

QUANDO IL SOLE 24 ORE PARLA DI SESSO

 

Questa mattina ad una giovane amica veramente bellissima (e dolcissima nonché sensibilissima) mia concittadina ho inviato via e-mail un link su un articolo apparso nella rubrica salute del quotidiano economico in carta rosa "Il Sole 24 Ore".
L'articolo odierno parlava di una ricerca eseguita da un professore di psicologia dell Ohio State University laddove si prende in considerazione le volte al dì nelle quali gli uomini pensano al sesso rispetto alle Veneri Italiche, cioè le donne. Ed è venuto fuori il risultato nemmeno tanto strano: mentre noi maschiacci e galletti ruspanti nei vari pollai, talami ed harem vari lo facciamo diciannove volte al giorno ( mediamente) per le donne è cosa diversa: "solo" dieci.
Ma la domanda è: perché di queste argomentazioni che nulla hanno a che fare con il mondo della finanza, economia, lavoro, norme e tributi se ne occupa il famoso quotidiano per top manager e comuni mortali? La ragione è abbastanza semplice: è tutta questione di sali e scendi...dello spread!




permalink | inviato da enzocumpostu il 1/12/2011 alle 17:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

4 ottobre 2011

'O baba' alcolizzato

Grottesca storia tipicamente italiana:

http://www.grnet.it/news/notizie/newssicurezza/3215-caserta-mangia-un-baba-e-va-in-bici-positiva-allalcol-test-le-ritirano-la-patente

 




permalink | inviato da enzocumpostu il 4/10/2011 alle 21:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

1 ottobre 2011

UN TURISTA RISORGIMENTALE IN SARDEGNA

 

Dal Bollettino n° 15 del Club Alpino Italiano Anno 1869
Un tratto della lettera dell'ingegner R. Garola di Aosta ai soci del CAI sul suo viaggio in Sardegna intitolata:
"Una escursione al Gennargentu" e datata 22 Settembre 1869:
 
 
"...A Nuoro, au contraire, chef-lieu d'arrondissemente, l'on ne trouve pas un hotel capable de recevoir à la fois plus de quatre ou cinq voyageurs. si les touristes ne seront pas nombreux, ils pourront loger soit à la pension Brueru soit à l'auberge du Canon d'Or, soit à celle des soeurs Ticca.
Cette dernière est las seule qu l'on puisse reccomender. A Nuoro l'on trouve facilement à louer des chevaux pout aller jusqu'à Fonni. Ce trajet se fat en quatre ou cinq heures.
Les chavaux se paient ordinairement 2 francs chacun pour chaque journée employée. Il faut ensuite un guide que l'on au meme prix..."




permalink | inviato da enzocumpostu il 1/10/2011 alle 15:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

26 settembre 2011

L'ICAA INFORMA CHE...

 

 
 
(Dott. Marco Strano Psicologo e Funzionario di Polizia fonte: internet)
CALENDARIO CORSI E SEMINARI ICAA AUTUNNO 2011
 
Potete scaricare le locandine in pdf su www.criminologia.org sezione corsi
 
MILANO, venerdì 7 ottobre 2011. Seminario di aggiornamento tecnico-professionale. CRIME SCENE INVESTIGATION. Location Enterprise Hotel, Corso Sempione 91 - orario 15.00-19.00. Docente il Prof. Marco Strano, Funzionario di Polizia (Psicologo) e Dirigente nazionale CONSAP e il Dott. Andrea Nava, Geologo forense ed esperto di sopralluoghi in esterno e altri tecnici specializzati. Il seminario è di taglio prevalentemente pratico e tratterà le principali tecniche di investigazione sulla scena del crimine (all’aperto e al chiuso). Il seminario (( a numero chiusoè aperto a esperti forensi, Magistrati, Avvocati, appartenenti alle Forze di Polizia, Militari, Investigatori privati, Psicologi, Medici e operatori della sicurezza. Saranno ammessi anche laureati in altre discipline e studenti universitari di materie compatibili. Per partecipare inviare una mail a segreteria@icaa-italia.org. Il corso è dedicato ai soli soci ICAA (e ai soci delle Associazioni gemellate). L’iscrizione all’ICAA è gratuita e si effettua indicando nella stessa mail di prenotazione al seminario nome, cognome, luogo e data di nascita, telefono cellulare e regione di residenza. Possono partecipare anche gli iscritti AGIFOR, FEDERPOL, FE.SI.FO, S.N.F., AISIS e ARGOS (anche se non iscritti all’ICAA) con cui è stata attivata apposita convenzione e sono pertanto equiparati, per ciò che attiene alla frequenza di eventi formativi, agli Associate Members ICAA. Sarà richiesto (sul posto) un contributo di partecipazione per le spese organizzative di 20€. A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione. L’evento è gratuito per i Soci ordinari ICAA in regola con la quota associativa 2011-2012 e per gli appartenenti alla Polizia di Stato iscritti alla CONSAP. INFOLINE (segreteria ICAA di Roma) 3400703739. In caso di impossibilità a partecipare è necessario avvertire per tempo via mail o via SMS la Segreteria.
 
CREMONA, sabato 8 ottobre 2011, Seminario di aggiornamento tecnico-professionale. TECNICHE DI INTERROGATORIO E RILEVAZIONE DELLA MENZOGNA. Sala Teatro Monteverdi, via Dante 147, orario 15.00-19.00. Patrocinio dell’Assessorato alla sicurezza del Comune di Parma. Patrocinio dell’UNUCI (sede dei Cremona). Docente il Prof. Marco Strano, Funzionario di Polizia (Psicologo) e Dirigente nazionale CONSAP. Il seminario è di taglio prevalentemente pratico e tratterà le principali tecniche di rilevazione di menzogna nell’interlocutore attraverso l’osservazione del comportamento. Verranno presentate anche le principali tecnologie di supporto alla rilevazione delle bugie (poligrafo, voice stress analyzer, termografia, elettroencefalogramma, risonanza magnetica funzionale). Il seminario è aperto a esperti forensi, Magistrati, Avvocati, appartenenti alle Forze di Polizia, Militari, Investigatori privati, Psicologi, Medici e operatori della sicurezza. Saranno ammessi anche laureati in altre discipline e studenti universitari di materie compatibili. Per partecipare inviare una mail a segreteria@icaa-italia.org. Il corso è dedicato ai soli soci ICAA (e ai soci delle Associazioni gemellate). L’iscrizione all’ICAA è gratuita e si effettua indicando nella stessa mail di prenotazione al seminario nome, cognome, luogo e data di nascita, telefono cellulare e regione di residenza. Possono partecipare anche gli iscritti AGIFOR, FEDERPOL, FE.SI.FO, S.N.F., AISIS e ARGOS (anche se non iscritti all’ICAA) con cui è stata attivata apposita convenzione e sono pertanto equiparati, per ciò che attiene alla frequenza di eventi formativi, agli Associate Members ICAA. Sarà richiesto (sul posto) un contributo di partecipazione per le spese organizzative di 25€. A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione. L’evento è gratuito per i Soci ordinari ICAA in regola con la quota associativa 2011-2012 e per gli appartenenti alla Polizia di Stato iscritti alla CONSAP. INFOLINE (segreteria ICAA di Roma) 3400703739. In caso di impossibilità a partecipare è necessario avvertire per tempo via mail o via SMS la Segreteria.
 
MILANO, domenica 9 ottobre 2011. Seminario di aggiornamento tecnico-professionale. “TECNOLOGIE ELETTRONICHE PER LE INVESTIGAZIONI DI POLIZIA E LORO IMPIEGO OPERATIVO”. Location Enterprise Hotel, Corso Sempione 91  - orario 9.00-13.00. Docenti il Prof. Marco Strano, Funzionario di Polizia (Psicologo) e Dirigente nazionale CONSAP e Andrea Pastori, esperto di tecnologie per l’intelligence. Evento in collaborazione con la società Technospy. Saranno trattati praticamente gli interventi investigativi e di intelligence attraverso collocazione di microspie, intercettazione di cellulari e di computers, microcamere e altri strumenti tecnologici. Sarà mostrato il pedinamento elettronico attraverso sistemi GPS. Verranno infine presentate le attività di pianificazione delle operazioni di intelligence attraverso il telerilevamento satellitare e la pictometria. Il seminario è aperto a esperti forensi, Magistrati, Avvocati, appartenenti alle Forze di Polizia, Militari, Investigatori privati, Psicologi, Medici e operatori della sicurezza. Saranno ammessi anche laureati in altre discipline e studenti universitari di materie compatibili. Per partecipare inviare una mail a segreteria@icaa-italia.org. Il corso è dedicato ai soli soci ICAA (e ai soci delle Associazioni gemellate). L’iscrizione all’ICAA è gratuita e si effettua indicando nella stessa mail di prenotazione al seminario nome, cognome, luogo e data di nascita, telefono cellulare e regione di residenza. Possono partecipare anche gli iscritti AGIFOR, FEDERPOL, FE.SI.FO, S.N.F., AISIS e ARGOS (anche se non iscritti all’ICAA) con cui è stata attivata apposita convenzione e sono pertanto equiparati, per ciò che attiene alla frequenza di eventi formativi, agli Associate Members ICAA. Sarà richiesto (sul posto) un contributo di partecipazione per le spese organizzative di 20€. A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione. L’evento è gratuito per i Soci ordinari ICAA in regola con la quota associativa 2011-2012 e per gli appartenenti alla Polizia di Stato iscritti alla CONSAP. INFOLINE (segreteria ICAA di Roma) 3400703739. In caso di impossibilità a partecipare è necessario avvertire per tempo via mail o via SMS la Segreteria.
 
ROMA, giovedì 10 dicembre 2011 – SEMINARIO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE - SICUREZZA URBANA E RICERCA CRIMINOLOGICA - EVENTO GRATUITO SU PRENOTAZIONE - Sala Concorsi della Questura. Via Statilia 30, orario 14.30-19.00. - Il seminario è dedicato a coloro che intendono operare in qualità di ricercatori nell’Osservatorio Nazionale sui Fenomeni Criminali della CONSAP che opera a livello nazionale monitorando sul territorio i fenomeni di devianza e criminalità che incidono sulla sicurezza urbana. L’evento è diretto agli appartenenti alla Polizia di Stato iscritti CONSAP ai Soci ICAA e ai soci delle Associazioni gemellate (AGIFOR, FEDERPOL, FE.SI.FO, S.N.F., AISIS e ARGOS). Il seminario è aperto a esperti forensi, Magistrati, Avvocati, appartenenti alle Forze di Polizia, Militari, Investigatori privati, Psicologi, Medici e operatori della sicurezza. Saranno ammessi anche laureati in altre discipline e studenti universitari di materie compatibili. A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione e la tessera di appartenenza all’Osservatorio che ha sede operativa presso la Questura di Roma. PROGRAMMA DEL SEMINARIO: ore 14.30: registrazione partecipanti all’ingresso della caserma;
 
0re 15.00 – Giorgio Innocenzi: Presentazione dell’Osservatorio Nazionale sui fenomeni criminali; 0re 15.30-16.00: Interventi di saluto; Ore 16.00-18.00: Marco Strano:Protocolli di ricerca dell’Osservatorio sui fenomeni criminali (analisi del territorio e crime mapping, questionari e interviste per la popolazione sulla paura del crimine, analisi delle fonti aperte, determinazione degli hot spots criminali, georeferenziazione GPS dei punti sensibili nel territorio); Ore 18.00-19.00: compilazione schede di adesione e consegne tessere di identificazione personale. - L’evento è gratuito. Per partecipare inviare una mail a segreteria@icaa-italia.org. INFOLINE 3400703739.
 
 
PALERMO 15 ottobre 2011 CONVEGNO DI STUDI: CRIMINOLOGIA, RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGIE PER UNA PROVINCIA SICURA - Il contributo della Criminologia alla sicurezza urbana. Hotel Astoria Palace, via Montepellegrino 62, Sala Congressi Normanni - orario 9.00-13.00 – INGRESSO LIBERO. ENTI PROMOTORI: ICAA (International Crime Analysis Association); CONSAP (Confederazione Sindacale Autonoma di Polizia); Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana; Azienda BETTINI S.R.L.; ACAS (Associazione Centri Azioni di Sviluppo); Maggioli Editore. L’evento è indirizzato alle formazione di varie figure professionali interessate alla sicurezza urbana. Propone alcune riflessioni scientifiche sui possibili interventi in tema di prevenzione del crimine nel territorio della Provincia di Palermo. Verranno presentati i risultati di ricerche scientifiche che integrano contributi psicologici, investigativi e tecnologici nel contrasto allo street crime. Verranno inoltre illustrati moderni strumenti di intervento sul territorio particolarmente utili per le Amministrazioni locali che intendono progettare azioni economiche ed efficaci per incrementare la sicurezza dei cittadini. PROGRAMMA DEI LAVORI: 9.00: apertura del Convegno (saluto del chairman); 9.15: Intervento di saluto del Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana; 9.30: Domenico Milazzo (Polizia di Stato, Rappresentante CONSAP) – “Organizzazione della sicurezza: strumenti e limiti delle forze di polizia”; 10.00: Marco Strano (Funzionario della Polizia di Stato e Dirigente Nazionale Consap) “Crime mapping, analisi del crimine e progettazione delle strategie di sicurezza urbana”; 11.00: Sonia Tinti Barraja (Psicologa, Consigliere Ordine Psicologi Regione Sicilia, ICAA member) - “Psicologia della Sicurezza e percezione sociale del crimine nella progettazione di strategie di sicurezza”; 11.30: Aldo Punzo (Product Marketing Manager BETTINI S.R.L.) - “Soluzioni tecnologiche per la città sicura: le tecnologie utilizzate per la videosorveglianza del territorio”; 12.00: Tavola rotonda con i partecipanti al convegno e i relatori; 12.30: Conclusioni e consegna attestato di partecipazione. Per informazioni inviare una mail a segreteria@icaa-italia.org. INFOLINE: 340-0703739. Il convegno è gratuito e patrocinato dall’Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana.
 
Palermo, Sabato 15 ottobre 2011 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO TECNICO PROFESSIONALE. REATI AD ALTO IMPATTO PSICOLOGICO (STALKING, ABUSI SUI MINORI, SETTE PSEUDORELIGIOSE). - orario 15.00-19.00. Hotel Astoria Palace, via Montepellegrino 62, Sala Congressi Normanni. Il seminario è patrocinato dall’Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana ed è di taglio prevalentemente pratico e tratterà le principali problematiche investigative e peritali dei reati che a vario titolo hanno una elevata valenza psicologica oltre che giuridica: lo stalking, gli abusi sui minori e il coinvolgimento in sette pseudoreligiose e magiche. Verranno presentate linee guida e possibili modelli di intervento per Magistrati, Investigatori, Psicologi, Avvocati e Medici. Il seminario è aperto a esperti forensi, Magistrati, Avvocati, appartenenti alle Forze di Polizia, Militari, Investigatori privati, Psicologi, Sociologi, Medici e operatori della sicurezza. Saranno ammessi anche laureati in altre discipline e studenti universitari di materie compatibili. L’incontro è finalizzato all’individuazione e all’inserimento professionale di Psicologi, e Avvocati nel team di consulenza forense attivato dall’ICAA in Sicilia. PROGRAMMA DEI LAVORI: 15.00: apertura del Convegno (saluto del chairman), Intervento di saluto del Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana, Intervento di saluto del Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Palermo, Intervento di saluto di Domenico Milazzo (Polizia di Stato, Rappresentante CONSAP). INTERVENTI TECNICI: 15.30: Alessia Sinatra (Magistrato, Procura di Palermo): “LA GESTIONE DELL’ASCOLTO DELLA VITTIMA NELL’INDAGINE NEI REATI AD ALTO IMPATTO PSICOLOGICO”; 16.00: Marco Strano (Funzionario della Polizia di Stato e Dirigente Nazionale Consap) - “PSICOLOGIA E INVESTIGAZIONI NEI REATI AD ALTO IMPATTO PSICLOGICO””; 17.00: Sonia Tinti Barraja (Psicologa, Consigliere Ordine Psicologi Regione Sicilia, ICAA member) – “INTERVENTO PERITALE PSICOLOGICO-FORENSE NEI REATI AD ALTO IMPATTO PSICOLOGICO”; 18.00: Giacomo Badalamenti (Medico Legale e Criminologo, responsabile ICAA Sicilia) - “DANNO BIOLOGICO ED ESISTENZIALE NEI REATI AD ALTO IMPATTO PSICOLOGICO”; 18.30: Tavola rotonda con i partecipanti al convegno e i relatori, conclusioni e consegna attestato di partecipazione. Per partecipare inviare una mail a segreteria@icaa-italia.org. Il seminario è dedicato ai soli soci ICAA (e ai soci delle Associazioni gemellate). L’iscrizione all’ICAA è gratuita e si effettua indicando nella stessa mail di prenotazione al seminario nome, cognome, luogo e data di nascita, telefono cellulare e regione di residenza. Possono partecipare anche gli iscritti AGIFOR, FEDERPOL, FE.SI.FO, S.N.F., AISIS, UNUCI, I.P.A. e ARGOS (anche se non iscritti all’ICAA) con cui è stata attivata apposita convenzione e sono pertanto equiparati, per ciò che attiene alla frequenza di eventi formativi, agli Associate Members ICAA. Sarà richiesto (sul posto) un contributo di partecipazione per le spese organizzative e di certificazione di 20€. A tutti i presenti verrà rilasciato un attestato di partecipazione. L’evento è gratuito per i Soci ordinari ICAA in regola con la quota associativa 2011-2012 e per gli appartenenti alla Polizia di Stato iscritti alla CONSAP. INFOLINE (segreteria ICAA di Roma) 3400703739. In caso di impossibilità a partecipare è necessario avvertire per tempo via mail o via SMS la Segreteria.
 
ROMA. Martedì 8 novembre 2011, orario 14.30-16.30. FORUM DEGLI INFORMATICI ICAA: il contributo dell’informatica all’investigazione criminale. Centro Congresso Frentani (via dei Frentani). Si riuniscono presso l’ICT security 2011 gli esperti di informatica dell’ICAA per discutere dei progetti di ricerca attivi dell’ICAA sul cybercrime e sull’informatica in supporto all’investigazione criminale. Al termine dell’evento verrà consegnato ai partecipanti un attestato di partecipazione. L’incontro è gratuito. E’ necessario però iscriversi all’ICT security nel sito ww.tecnaeditrice.com e poi inviare una mail a segreteria@icaa-italia.org   chiedendo di partecipare al FORUM dell’ICAA. Sono disponibili 80 posti.   INFOLINE 340-0703739. Per le tematiche tecniche trattate il forum è destinato a Soci con comprovata conoscenza informatica. PROGRAMMA - 14.30: Software in supporto all’investigazione criminale (Marco Strano); 14.45: Simulazione di alcuni scenari criminali seguenti all’acquisizione fraudolenta di credenziali di accesso a un computer aziendale (Simone Onofri, Massimiliano Romano in collaborazione con il team dell’azienda techub: 15.15: Presentazione del progetto di web-intelligence SNDB (Social Network Dangerous Behaviour) iniziato nel 2002 sui BLOG e implementato nel 2008 con l’avvento di Facebook. (Marco Strano e Simone Onofri); 15.30: Presentazione del Vulnerability Assessment dell’ICAA per le aziende, sviluppato nel 1999 e recentemente implementato nel 2010. (Massimiliano Romano e Marco Strano); 15.45: know-how e strumenti (hardware e software) per la digital forensics. Il percorso formativo e le dotazioni necessarie per svolgere investigazioni e perizie nel settore. (Gerardo Costabile e altri rappresentanti IISFA); 16.15: conclusioni, adesione al FORUM, presentazione iniziative formative ICAA-IISFA e consegna tessere ICAA e attestati di partecipazione.
 
ROMA, mercoledì 16 novembre 2011, sala concorsi della Questura, Via Statilia 30, orario 15.00-19.00. Seminario di aggiornamento tecnico-professionale con rilascio di certificazione ICAAE-CRIME ANALYST certification”. Docente il Prof. Marco Strano, Funzionario di Polizia (Psicologo) e Dirigente nazionale CONSAP e altri esperti dell’ICAA. Il seminario tratterà le principali dimensioni psicologiche e criminologiche del cybercrime e saranno presentati metodi di analisi e profiling sugli autori di tali reati. Il seminario è aperto a esperti forensi, Magistrati, Avvocati, appartenenti alle Forze di Polizia, Militari, Investigatori privati, Psicologi, Medici e operatori della sicurezza. Saranno ammessi anche laureati in altre discipline e studenti universitari di materie compatibili. Obiettivo è quello di formare una figura professionale di interventi analitico nella prevenzione e nella repressione dei crimini elettronici. Per partecipare inviare una mail a segreteria@icaa-italia.org. Il corso è dedicato ai soli soci ICAA (e ai soci delle Associazioni gemellate). L’iscrizione all’ICAA è gratuita e si effettua (se non ancora iscritti) indicando nella stessa mail di prenotazione al seminario nome, cognome, luogo e data di nascita, telefono cellulare e regione di residenza. Possono partecipare anche gli iscritti A.GI.FOR., FEDERPOL, FE.SI.FO, S.N.F., A.I.S.I.S. e ARGOS (anche se non iscritti all’ICAA) con cui è stata attivata apposita convenzione e sono pertanto equiparati, per ciò che attiene alla frequenza di eventi formativi, agli Associate Members ICAA. Sarà richiesto (sul posto) un contributo di partecipazione per le spese organizzative di 20€. A tutti i partecipanti verrà rilasciato il nuovo diploma di E-CRIME ANALYST secondo gli standard dell’ICAA. L’evento è gratuito per i Soci ordinari ICAA in regola con la quota associativa 2011-2012 e per gli appartenenti alla Polizia di Stato iscritti alla CONSAP. INFOLINE (segreteria ICAA di Roma) 3400703739. In caso di impossibilità a partecipare è necessario avvertire per tempo via mail o via SMS la Segreteria.
 
 
Entro qualche giorno saranno comunicati ulteriori eventi (Roma, Cagliari, Genova, Parma, Reggio Calabria, Padova e Napoli)




permalink | inviato da enzocumpostu il 26/9/2011 alle 18:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

26 maggio 2011

Librerie tradizionali e digitali si sposano bene

 

 Arricchire la propria cultura, allargare le proprie conoscenze in un determinato argomento attraverso la lettura è attività comune per moltissimi di noi: come ben sapete  da qualche anno a questa parte ha trovato ampia diffusione il fenomeno dell'e-booking, ovvero la possibilità di poter consultare (ma anche acquistare) testi di qualsivoglia genere sia freeware ovvero consultabili gratuitamente (esempio per tutti Google Books) sia acquistabili online.
Tuttavia, se da un lato si ha una importantissima diffusione capillare e possibilità concreta e immediata di "acculturarsi" maggiormente a livello scientifico, storico, letterario, tecnico e chi più ne ha più ne metta l'altra faccia della medaglia fa intravedere qualche piccolo problemino come ad esempio la tutela dei diritti degli autori delle opere anche se tecnologie innovative e sempre più sicure permettono la protezione più assoluta dalle attività poste in essere dai più esperti e "professionali" hackers.
Ma tornando un attimo nel campo del "freeware" e della libera consultazione permessa sempre su Google Books ( http://books.google.it ) se noi andassimo a ritroso nel tempo troveremo sì testi interessantissimi e particolarmente rari sui quali troveremo senz'ombra di dubbio cose interessantissime mentre riguardo alle pubblicazioni recenti è cosa rara trovare libri interi da consultare gratuitamente pubblicati, per esempio, nel 2011 o nel 2010.
Ma non tutti amano questo modo di leggere e - per la gioia dei librai - sono ancora tantissimi coloro i quali preferiscono assaporare un romanzo, un saggio o altro sfogliando, una per una, le pagine.
Con le dita, non certo con il mouse.
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 26/5/2011 alle 11:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 maggio 2011

LA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI NELLA LOTTA AI TUMORI AL SENO FA IMPORTANTI PASSI IN AVANTI IL PROBLEMA RESTA IL FATTO CHE E' SEMPRE UNA QUESTIONE DI "TASCA"

 

 La lotta contro i tumori femminili apre nuovi orizzonti nel campo della diagnostica per immagini, dando la possibilità di individuare lesioni nei tessuti ancor più piccole di quelle individuabili oggi con le apparecchiature che effettuano le mammografie attualmente a disposizione: infatti, la MAMMI ( acronimo che sta per Mammoghraphy with Molecular Imaging) renderà visibili e individuabili lesioni di circa 1,5 mm rispetto ai 5 attuali, tutto questo grazie ad un adattamento di questo particolare mammografo alla morfologia del seno rispetto agli attuali tomografi PET (tomografie ad emissione di positroni) e a quelli tradizionali.
Una lotta che riguarda decine di migliaia di persone in Italia che si sottopongono ad interventi chirurgici che danno ottime aspettative di vita a medio e lungo termine: interventi delle volte invalidanti (e con conseguenze psicologiche non indifferenti sia a livello individuale che all'interno alla coppia) e delle altre, grazie a tecniche ricostruttive particolari (ahimè particolarmente costose e non credo purtroppo alla portata di tutte le donne) che riescono a ristabilire in buona parte la condizione di "normalità" fisica, completamente o parzialmente.
La lotta al cancro ha una serie infinita di strade da percorrere e prima o poi l'Uomo riuscirà a individuarne le cause e a trovare le soluzioni ottimali, sia chirurgiche che chimiche e altro.
Terapie e innovazioni che dovrebbero essere accessibili a tutti ma ahimé... La salute e grandi problematiche sanitarie mondiali come la lotta ai tumori è spesso e volentieri fonte di business non indifferenti. Altro che sistemi d'arma missilistici. . . . .




permalink | inviato da enzocumpostu il 24/5/2011 alle 8:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

19 maggio 2011

EFFETTI COLLATERALI

 

    Pare che nel Regno Unito siano stati segnalati diversi casi di abituali consumatori di farmaci come il Sildenafil, il Tadalfil e il il Vardenafil i quali avrebbero presentato improvvisi cali d'udito di tipo neurosensoriale e ora si studia per scoprire se vi siano correlazioni tra i farmaci e questo (eventuale e tutto da acccertare) grave effetto collaterale.
I nomi dei farmaci qui sopra descritti ai più non dicono nulla ma se rispettivamente a questi preparati associamo i loro nomi commerciali ovvero rispettivamente Viagra, Cialis e Levitra le idee penso vi saranno molto più chiare.
Ora spetterà alla ricerca ed alle autorità sulla commercializzazione dei farmaci accertare la correlazione e decretare se vi è un concreto rischio o meno tra luso dei più famosi farmaci contro l'impotenza e il calo di uno dei cinque sensi dell'essere umano: l'udito
 
La patologia della quale sono affetto l'osteogenesi imperfetta può portare - come nel mio caso - a problemi di natura uditiva. Soffro di ipoacusia bilaterale da circa sedici anni, gli interventi che subii all'orecchio sinistro nel 2001 prima e nel 2002 poi non ebbero il risultato sperato: persi l'udito all'orecchio sinistro e a quello destro porto una vistosa protesi retroauricolare purtroppo necessaria per sentire quasi normalmente, visto che oggi la tecnologia associata alla microelettronica e all'informatica ha fatto e continua a fare passi da gigante.
 
Ma Grazie a Dio per ora non ho bisogno del Viagra, care le mie Italiche Donne...E come diceva il famoso spot tv: Provare per credere!
 
 
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 19/5/2011 alle 15:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 maggio 2011

Julian Assange versus Mike Zuckerberg

 

 
Il fondatore di Wikileaks Julian Assange ha qualcosa che gli rode: oltre alle grane giudiziarie fanno il giro del mondo le sue dichiarazioni riguardo Facebook ma è evidente che al divulgatore di presunti segreti di stato e di notizie a carattere riservato dell'intelligence prevalentemente americana da parecchio  fastidio e difficilmente digerisce il fatto che Mark Zuckerberg mantenga il primato di uomo dell'anno ancor oggi. Il j'accuse di Assange è contro soprattutto la creatura di Zuckerberg: Facebook secondo lui sarebbe "una spaventosa macchina di spionaggio" e aggiunge "chiunque aggiunga amici sta lavorando gratis per l'intelligence americana" riferendosi in particolar modo alla CIA e all'NSA.
 
Secca la risposta del fondatore del più celebre tra i social network: "Facebook - dice - fa solo quello che la legge consente di fare e collabora con le autorità giudiziarie dei vari paesi e con le rispettive intelligence quando queste ultime fanno delle richieste ufficiali per acquisire dati ed informazioni.  Spionaggio o no Facebook come Twitter restano i luoghi virtuali maggiormente frequentati da decine di milioni di persone nel mondo e sulla sua utilità sociale e comunicativa oltre a una miriade di applicazioni in campi come la sanità, la protezione civile, le attività promozionali e di mercato, sia di enti pubblici che da porte di privati non possono assolutamente essere poste in discussione.
 
Zuckerberg ha ragione, caro Assange. Uno a zero per lui.
 
 
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 5/5/2011 alle 15:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

28 aprile 2011

LA BARBAGIA NELLO SPAZIO: DOMANI SERA NUORO SI COLLEGHERA' VIA RADIO CON LA STAZIONE SPAZIALE ISS E L'ASTRONAUTA MAGG. PAR. INCURSORI ING.PAOLO NESPOLI

 
( RECENTISSIMA IMMAGINE DELLA SARDEGNA VISTA DALLA STAZIONE SPAZIALE ISS A CIRCA 400 KM DALLA TERRA )
 
Nella mia lunga esperienza come radioamatore, utilizzando le apparecchiature radio VHF (e UHF di amici) qualche volta m'è capitato di assistere a dei collegamenti radio con stazioni radio in orbita, per esempio le lontane missioni dello Shuttle ai primordi della sua attività.
Ricevere ma non trasmettere perché sia la velocità della navicella spaziale - tra i 27 e i 28.000 km/h - sia la potenza eccessiva utilizzata dalle stazioni radio che contemporaneamente chiamavano da terra non rese possibile il collegamento: mi trovavo nella mia casa al mare e non era cosa rara sentire decine e decine di colleghi radioamatori un po' da tutta Italia e perfino dal Friuli Venezia Giulia e dalla ex Yugoslavia trasmettere con potenze a dir poco spaventose e una infinità di antenne "Yagi" a 13,15,17 e anche 19 elementi a polarizzazione circolare (qualche stazione radio le aveva anche polarizzate orizzontalmente) accoppiate e issate su enormi tralicci mosse da altrettanto enormi e potenti rotori motorizzati.
Domani andrò a vedere presso la Scuola Media Statale "Maccioni" di Nuoro se un radioamatore mio concittadino riuscirà nel far parlare gli alunni della scuola con l'astronauta italiano e Ufficiale degli Incursori Paracadutisti del 9° Regg Col Moschin Magg. Ing. Paolo Nespoli, a bordo della stazione spaziale ISS che alle ore 15.56 UTC si troverà a fare dei passaggi a 6-7 km/sec. sopra la città barbaricina.
 
Speriamo che tutto vada per il verso giusto.
 
I NOMINATIVO RADIO DEL MAGGIORE PAOLO NESPOLI E': IR 0 ISS - (INDIA ROMEO ZERO INDIA SIERRA SIERRA)
 
L'EVENTO POTRA' ESSERE SEGUITO IN LIVESTREAM SU INTERNET AL SEGUENTE LINK: http://www.livestream.com/AMSAT_Italia  
 

 
 
 
 

 
ESA Portal - Italy - Gli studenti della Sardegna in contatto radio ...  
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 28/4/2011 alle 18:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 novembre 2010

Queen Elizabeth II and the Facebook chat...

 

Nessuno pare resistere alla tentazione dei social network come Facebook, nemmeno Buckingham Palace. Infatti, anche Queen Elizabeth II, attraverso i portavoce di casa reale, annuncia di aver dato disposizioni affinché venga aperta una pagina sul libro delle facce che conta centinaia di milioni di iscritti in tutto il mondo. Anche le teste coronate studiano scienze della comunicazione oltre a partecipare ai galà di beneficenza e le cerimonie militari con Harry in pole position in divisa da tenentino?
Parrebbe proprio di si ma il fatto stesso che la famiglia reale non accetta amicizie tra gli iscritti dell' infinita popolazione del web mondiale accentua ancor di più l'ostentata ed altezzosa superiorità rispetto ai comune mortali.
Insomma, siamo alle solite: anche nel World Wide Web cambia ben poco rispetto alla realtà!
 
Maestà, ci ripensi.
 
Her Majesty the Queen       
 
 
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 7/11/2010 alle 23:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

14 ottobre 2010

Bacco, tabacco e Polonio 210

    Se oggi si parlasse del temutissimo isotopo radioattivo Polonio 210 potremo senz'ombra di dubbio affermare che stavolta le spie e gli spioni, gli intrighi internazionali, il vecchio KGB ora denominato FSB  o l'MI6 non c'entrano nulla; e nemmeno le armi nucleari di qualunque genere.
Perché il pericolo per la salute umana rappresentato dalla esposizione al Polonio 210 è dato anche dal fumo sia esso attivo che passivo: il tabacco, infatti, contiene questo isotopo radioattivo, presente nei fertilizzanti utilizzati per le coltivazioni di tipo di piantagioni.
Secondo studi effettuati, sono stati fatti dei calcoli che hanno consentito di stabilire che l'esposizione alla irradiazione da polonio 210 che il corpo di un fumatore ha in un anno, fumando venti sigarette al giorno, è pari a quello che si avrebbe, sempre nell' arco di un anno, sottoponendosi a trecento esami radiografici del torace. Fate voi le vostre considerazioni in proposito.
 
E a proposito di fumo, questa volta attivo, se n'è parlato e se ne sta tutt'ora discutendo, mentre vi scrivo, nell'importante convegno/corso sul tabagismo organizzato dall'Azienda Sanitaria Locale di Nuoro e che si svolge tra il 13 ed il 14 Ottobre dal titolo: "Tabagismo e lavoro di rete: un approccio multidisciplinare", dove operatori del Servizio Sanitario Regionale, MMG e membri della LILT - Lega Italiana per la Lotta con i Tumori - hanno esposto agli intervenuti a questo particolare evento esperienze, percorsi, difficoltà e problematiche operative dove tutti si sono trovati in accordo per costruire una rete formata da diversi nodi operativi con il fine ultimo di raggiungere l'intersettorialità nell' attività più importante e cardine di ogni politica sanitaria e di ogni sistema sanitario che si rispetti: la prevenzione.
 
Anche per uno non addetto ai lavori come me - faccio parte del Servizio per le Dipendenze dell'ASL di Nuoro ma solo in veste amministrativa - è stata più che sufficiente la proiezione nella sala dell'Ordine dei Medici di Nuoro - dove il convegno si tiene - di un grafico cartesiano di una recente indagine della Doxa che riassumeva graficamente le percentuali della popolazione italiana e dei soggetti fumatori siano essi appartenenti al sesso maschile che femminile.
Dalla metà degli anni settanta le fumatrici hanno avuto una graduale impennata nei valori percentuali, una "pari opportunità" ad avvelenare il proprio organismo sensibilmente maggiore agli uomini essendo il corpo femminile maggiormente sensibile a guai d'ordine fisio-patologico legati al fumo di sigarette. 
Maggiore esposizione al rischio di cancerogenesi dell'apparato respiratorio ma il peggio viene quando si parla della gravidanza delle fumatrici e dei rischi corsi dai feti durante la gestazione.
 
Se è importante raggiungere una intersettorialità operativa tra i diversi attori chiamati a contrastare efficacemente particolari stili di vita dei fumatori e di coloro che potenzialmente si apprestano a diventarlo (si inizia molto presto in una fascia di età che va dai 12 ai 14 anni)  e che - si spera - non lo diventino mai è altrettanto importante far camminare, su una strada parallela ma molto vicina alla principale, quella cioè della prevenzione, normative nazionali e regionali che comportino l'irrogazione di sanzioni amministrative, spero particolarmente pesanti, non solo per chi fuma all'interno di locali pubblici, non solo per chi contravviene al rispetto della normativa vigente in materia di fumo all'interno degli edifici pubblici, uffici e servizi sanitari compresi, ma anche nei luoghi all'aperto, all'interno degli abitacoli delle autovetture, con il fine di modificare comportamenti particolari che costringono coloro che subiscono passivamente il fumo a inalarlo: con tutte le conseguenze negative possibili ed immaginabili sull'organismo. E da scrivere su questo argomento e sulle conseguenze nefaste del fumo di sigaretta ci sarebbe davvero tanto. 
 
 
 
 
***************************************************************************************
 
 
 
 
Qui, invece, il fumo non c'entra affatto... Ma il Polonio 210 sì 
L'isotopo radioattivo altamente tossico presente nelle sigarette e della cui notizia le compagnie manifatturiere di tabacco del mondo si sono ben guardate di pubblicizzare, notoriamente altamente cancerogeno, richiama alle nostre menti il periodo della Guerra Fredda, degli armamenti nucleari e, in ultimo, dell' assassinio del famoso "007" sovietico Alexander Litvinenko, rifugiatosi in Gran Bretagna; Litvinenko, arruolatosi giovanissimo come sottotenente dell'Armata Rossa fu subito notato con vivo interesse dai reclutatori dell'allora KGB; una carriera brillante che lo ha visto impegnato nella lotta al crimine organizzato e nelle operazione c.d. di "counter-terrorism"; è stato Colonnello del KGB prima e dell' FSB poi fatto fuori con cibo avvelenato - si pensa a dello sushi servito ad un tavolo del Sushi Bar di Piccadilly Circus a Londra e che vide coinvolto anche l'italiano Scaramella in questa vicenda - da questo particolare metalloide radioattivo perché aveva accusato Putin di essere il mandante dell' omicidio della famosa giornalista e scrittrice Anna Politkvoskaja, avvenuto all'interno dell'ascensore del suo palazzo a Mosca il 7 Ottobre 2006. Ricordo con quanta passione ne parlarono e ne parlammo, nei loro rispettivi blog, il giornalista del Tg1 Pino Scaccia - sull'omicidio di Anna Politkvoskaja - e Paolo Guzzanti, all'epoca Senatore della Repubblica.  
E' notizia di questi giorni che Mosca sarebbe pronta a collaborare con le autorità londinesi che indagano sula morte del Colonnello russo "infedele" naturalizzato in Gran Bretagna e dalla quale ottenne asilo, non potendo raggiungere il fratello in Italia dove - secondo il suo ex-capo successivamente ucciso a raffiche di mitra insieme alla moglie - non era possibile rifugiarsi per via dell' elevato numero di agenti dell'ex KGB presenti da noi e infiltrati un po' ovunque..... 
 
FSB-B&W.gif




permalink | inviato da enzocumpostu il 14/10/2010 alle 17:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

26 settembre 2010

1950: frammenti nuoresi della "Gladio Rossa"

 

 

Della cosiddetta "Gladio Rossa", parallelamente alle indagini della magistratura sulla struttura NATO Stay-Behind, se ne occuparono altre Procure ed altri magistrati; dal 1991 in poi, a seguito delle dichiarazioni dell'allora Presidente del Consiglio die Ministri Giulio Andreotti, oltre alle indagini del giudice Casson (che si alternava insieme ad altri magistrati tra Forte Braschi e Alghero e poi guarda un pò divenne parlamentare tra le fila dei Verdi) dobbiamo doverosamente, per ragioni d'ordine storico e di cronaca, ricordare quella che era l'attività segreta del PCI negli anni che furono; anche il Partito Comunista Italiano, come tutti ben sapete, aveva una struttura clandestina armata - questo è provato da una ricchissima e inoppugnabile documentazione e da numerose testimonianze di chi ha militato nel PCI tra il 1945 e gli anni sessanta - addestrata ad operazioni di guerriglia urbana e istruita a tecniche di sabotaggio e non solo. Di questa particiolare attività - sempre negata dai vecchi leader del PCI nostrano in simbiosi, ai tempi, con i vertici del PCUS al Cremlino.
Sul web ho trovato una interessante lettera inviata dal Prefetto di Nuoro nel lontano 1950 al Ministero dell'Interno e a quello della Difesa e riguarda la segnalazione di possibili azioni di sabotaggio che sedicenti comunisti avrebbero, sessant'anni fa, pianificato di porre in essere nel tratto ferroviario che da Nuoro porta a Macomer e nella Sezione Autonoma Artiglieria di Nuoro e il suo deposito munizioni ( allora e fino ai primi anni ottanta zeppo come un uovo) in località Prato Sardo.
Preciso che la lettera - ai tempi classificata come SEGRETO - è un documento di natura storica e non assume, in questo particolare contesto, toni polemici o di attacco nei confronti dei siistroidi che furono, oramai estinti. 
 
Anche se - dall'oggetto della missiva prefettizia- qualche comunista pericolosetto parrebbe ci fosse sul serio.
 
Va ricordato che la c.d. "Gladio Rossa" fu attiva in Italia dal 1945 certamente fino agli anni settanta




permalink | inviato da enzocumpostu il 26/9/2010 alle 19:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

30 giugno 2010

Dei delitti e delle pene...

Alcuni giorni fa il quotidiano sardo "La Nuova Sardegna" pubblicò gli stralci di parte di una intercettazione ambientale eseguita dagli investigatori che indagavano sull'omicidio del carabiniere scelto Donato Fezzuoglio avvenuto durante una rapina a Umbertide (PG) nel 2006; queste intercettazioni ambientali, fatte con l'installazione di microfoni radiotrasmittenti ( probabilmente satellitari) fanno chiaramente sentire la voce di uno degli imputati pronunciare la frase: "il carabiniere l'ho ammazzato io e non m'importa" una frase chiara che - se le cose fossero come riportate dal quotidiano - lo inchioderebbe relativamente alle sue tragiche responsabilità.
Ebbene se la pena detentiva per alcune tipologie di reati minori sono controindicate e andrebbero proposte, in alternativa, altre tipologie di pene detentivo-lavorative in questi casi la nostra cristianità e il nostro essere umani è messo a dura prova.
Qualora la Giustizia sentenzierebbe che gli imputati sono colpevoli ( mi auguro per loro e per le loro coscienze che così non sia!) dopo non meno di quindici-venti anni di reclusione abbastanza dura obbligatorietà di integrazione sociale ma non per fare la ricotta o altro come nelle colonie penali all'aperto tipo Is Arenas o Mamone (ottima soluzione per chi è condannato per reati di minore entità) bensì lavori duri e non retribuiti per ripagare lo Stato ergo noi contribuenti dei costi sostenuti dal DAP per ospitare, tradurre ( tradurre inteso come spostamento da un penitenziario ad un altro o dal penitenziario ai vari tribunali) custodire, curare questi assassini e delinquenti per anni e anni.
C'è la TAV da fare? Un tratto di autostrada? Lavori edili anche all'esterno d'inverno sotto le intemperie? mandiamo loro, con tanto di vigilanza armata e tiratori scelti e se qualcuno fa il furbo troverà pane per i propri denti.
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 30/6/2010 alle 14:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 giugno 2010

Le guerre per l'acqua: crisi e scenari di guerra ipotizzabili: la NATO va rivista e tatticamente diversificata tra Medio Oriente e Mediterraneo. Sardegna compresa

 
Vada per la società multietnica e multirazziale che oramai in buona parte è diventata una realtà e non un paventato rischio bossiano dalla Padania a Lampedusa isole maggiori comprese, va però detto che la nostra popolare e, a livello internazionale, riconosciuta tolleranza sulla immigrazione, soprattutto su quella proveniente dall'Africa, dovrà forse essere rivista o quanto meno si dovranno apportare dei correttivi importanti; al primo posto vengono le contromisure passive, politiche ed economiche, ovvero tutto ciò che deve riguardare notevoli e decisivi interventi legati alla cooperazione nei paesi a rischio di desertificazione, se non vogliamo che in un futuro non lontano masse incontrollabili e numericamente incalcolabili abbiano come obiettivo ultimo l'Italia, naturale approdo in caso di disperate conseguenze dovute alla siccità per desertificazione nel Nord Africa ma questo è un problema che può riguardare anche grandi stati del Medio Oriente, vedi l'Egitto con il suo Nilo.
Per non parlare poi di Gaza, dove il lago sotterraneo che rifornisce di acqua la città potrebbe diventare un grande lago salato a causa dell'innalzamento del Mediterraneo. Di tutte queste argomentazioni, di tutti questi ipotizzabili scenari di crisi geopolitica con drammatici risvolti militari e apocalittici scenari di guerra che potrebbero concretamente minacciare l'Europa si è discusso giorni fa al Senato, in un convegno sul clima e la sicurezza internazionale organizzato dal vicepresidente del COPASIR (Comitato Parlamentare sui Servizi di Informazione e Sicurezza della Repubblica) e al quale ha partecipato Alexiandros Papaioannou in rappresentanza della NATO. 
Il rappresentante ellenico dell'Alleanza Atlantica ha duramente e giustamente contestato l'attuale concezione della NATO ancora vista e concepita militarmente in chiave antisovietica, mentre gli scenari preventivabili ed ipotizzabili vedono la necessità di importanti spostamenti di truppe e reparti verso l'area del Mediterraneo ( Sardegna compresa) e del M.O.
Sono questi gli argomenti dei quali la classe politica si deve occupare, ben più importanti dei ddl sulle intercettazioni, sulle pseudo partite comprate dei mondiali e su chi potrebbe essere annoverato tra i sostituti di SB.    




permalink | inviato da enzocumpostu il 24/6/2010 alle 11:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 aprile 2010

Nuoro, 23 Aprile c/o I.T.C. "G.P.Chironi": Seminario ICAA su Computer Crime Investigation ( d'obbligo l'iscrizione online)

Dall' ICAA - International Crime Analysis Association - ricevo questo messaggio che volentieri pubblico:
 
NUORO, venerdì 23 aprile 2010, seminario gratuito di aggiornamento professionale (aperto a tutti i Soci ICAA anche non appartenenti alle forze di polizia), su: computer crime investigation, ore 14.00-19.00. (docenti Prof. Marco Strano, Mariano Pitzianti).

Rilascio attestato finale.
Sede del seminario: Istituto Tecnico Commerciale "G.P. Chironi" in Via Toscana (Nuoro).
Per partecipare è necessario iscriversi all'ICAA (gratuitamente) attraverso il sito web
www.criminologia.org  

Per informazioni ed iscrizioni:
invia una email a formazione@icaa-italia.org o telefona all'INFOLINE:
340 - 0703739
 
 
Chi è Maco Strano, Dirigente della Polizia di Stato, Direttore Tecnico Capo Psicologo (Vice Questore) e Responsabile dell'area di Criminologia e Criminal Profiling presso il Centro di Neurologia e Piscologia Medica del Dipartimento di P.S. nonché Dirigente Nazionale del CONSAP, Sindacato Nazionale di Polizia :
 
Marco Strano, Psicologo e Criminologo è considerato uno dei maggiori esperti del mondo di Psicologia investigativa e criminal profiling. 
E' ricercatore incaricato presso il Criminal Profiling LAB della 
Duke University (North Carolina - USA) dove sta svolgendo esperimenti per la riproduzione in laboratorio del funzionamento della mente di un criminale attraverso l'impiego di sistemi di intelligenza artificiale, nell'ambito del progetto NNPCP (Neural Network for Psychological Criminal Profiling). 
Collabora con l'Unità di Scienze comportamentali (Behavioral Science Unit) dell'Accademia FBI di Quantico con cui sta sviluppando insieme alla Duke un progetto di ricerca sul sull'intuitive policing e sul criminal profiling (NNPCP research project). 
In Italia è Professore a contratto di Psicologia Investigativa e Criminal Profiling all'Università degli Studi di Palermo. 
Insegna inoltre presso corsi di perfezionamento e master di numerose Università italiane, tra cui l'Istituto di Psichiatria e Psicologia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, presso l'Università degli Studi di Urbino, e presso l'Università LUMSA di Roma. 
Autore di trasmissioni televisive, collabora con la rete televisiva Canale 5, con l'emittente televisiva Teleroma56, con il Quotidiano "Il Messaggero", con il mensile ICT security e con altri organi di stampa. 
 
 
( il Dott. Marco Strano all'Accademia del Federal Bureau of Invetigations a Qantico, Virginia USA)
 
 
 
 
 
 
 

 




permalink | inviato da enzocumpostu il 5/4/2010 alle 18:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 dicembre 2009

Sanità nuorese e Massoneria: Maninchedda dovrebbe chiarire, elencare nomi e cognomi, eventualmente denunciare...

 
Leggendo, oggi, il blog di Bruno Murgia ( Deputato PdL ) la mia attenzione è stata immediatamente attratta dal suo ultimo post e da un intervento fatto da Paolo Maninchedda nel blog di Bruno. Entrambe gli scritti sono preoccupanti: il primo è quello dove Bruno pubblica una lettera, ricevuta via e-mail, dove un laureato più che rassegnato dichiara di abbandonare la Sardegna  e f orse l'Italia stessa per l'impossibilità di trovare lavoro. La seconda notizia è ancora più preoccupante: si fa riferimento alle vicissitudini politiche dell'ASL di Nuoro e a possiibli infiltrazioni e influenze massoniche nella gestione della res sanitaria nuorese. 
Per saperne di più, per commentare, dissentire o meno vi invito a leggere il post in questione del blog di Bruno, il relativo link a quello di Maninchedda e i commenti al blog del parlamentare del PdL nuorese.
 
Mah!...   
 
“Me andrò dalla Sardegna, qui non c’è niente da fare”     dal blog di Bruno Murgia, Deputato del PdL
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 7/12/2009 alle 1:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

6 dicembre 2009

Quella caserma che non era ua caserma: immagini (ingiallite) dell'Artiglieria di Nuoro ( inverno1957)

A quei tempi mio padre, che passò 44 anni della sua vita professionale nell'Esercito, non era ancora stato trasferito qui, nel capoluogo barbaricino: allora non era certo come adesso, l'avvicinamento a casa per molti era una chimera e la si poteva ottenere solo dopo tanti anni di servizio; altri sardi, invece, Ufficiali e Sottufficiali, misero radici nella penisola sposandosi, mettendo su famiglia, "in continente".

La foto ritrae personale dell'amministrazione Civile della Difesa
(impiegati amministrativi, ragionieri, operai generici e specializzati, capi officina, capi operai e capo tecnico)  che in ragione percentuale erano superiori al personale militare, uffiiciali e sottufficiali, il cui organico venne incrementato solo dopo la prima riforma dell'Esercito dei primi anni Ottanta.


La foto è datata Marzo 1957, in quell'anno mo padre stava ancora a Terni quale sergente istruttore al Reparto Allievi Armaioli di quella che allora si chiamava FAE (Fabbrica d'Armi Esercito) e oggi conosciuta come PMAL, Polo di Mantenimento Armi Leggere dell'E.I. 

Molti dei suoi colleghi qui nella foto di gruppo furono reduci di guerra: per esempio il Maresciallo Maggiore Alfonso Prudenti, di Iglesias ( con i quale negli anni settanta andavamo a pescare in barca al mare) che fu prigioniero di guerra dei tedeschi e poi reintegrato nell'Esercito nel dopoguerra.
E' mancato alcuni anni fa ad una età abbastanza rispettabile.
Poi il Maresciallo Maggiore Cerlienco, classe 1908, artificiere d'artiglieria, dell'Ufficio Munizioni; quest'ultimo era originario di Pola, territori che poi furono annessi alla ex-Yugoslavia.   E a questo proposito ringrazio il figlio Gianfranco ( che oggi vive a Milano) per avermi inviato questa foto, pare sia l'unica in loro possesso che ritrae nella complessità tutti coloro che lavoravano in quella caserma che caserma non era in viale Sardegna civico 1.

Nell'immagine manca probabilmente quasi la metà della forza lavoro e ai tempi la presenza militare a Nuro era indubbiamente e senza discussione una importantissima risorsa economica per la comunità nuorese.

Oggi sono cambiate moltissime cose, la "Sezione artiglieria" non c'è' più: resta uno sparuto contingente di soldati e qualche sottufficiale e un Ufficiale Comandante della Base Logistica Addestrativa ma siamo più che certi che la Difesa si mobiliterà affinchè nella nostra città, molto presto, si possa incrementare la presenza militare con la costruzione di una nuova caserma a Prato Sardo, nell'area dell'ex Deposito Munizioni  (una delle tante dipendenze sparse qua e là in Sardegna dell' artiglieria di Nuoro)  per una superficie complessiva di circa 12 ha, considerando che il Deposito era di circa 50 ha...

La nuova caserma dovrebbe ospitare un Reparto 8 spero creato ex-novo o traserito) in seno alla Brigata di Fanteria Meccanizzata "Sassari"
Ecco la foto d'epoca: una volta che la visionerete cliccateci sopra con il mouse per poterla ingrandire:

http://img710.imageshack.us/img710/2610/componentidirezionearti.jpg  

  




permalink | inviato da enzocumpostu il 6/12/2009 alle 17:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 maggio 2009

Cinquantotto candeline per l'Aviazione dell' Esercito - 58th anniversary of the Italian Army Aviation

Sono passati 58 anni dalla sua fondazione: dapprima battezzata come ALE cioè Aviazione Leggera Esercito poi Cavalleria dell' Aria oggi l' AVES (Aviazione dell' Esercito) è quell'Arma dell'EI che utilizza aerei ed elicotteri per le specifiche esigenze di Forza Armata che sono di natura addestrativa, tattica, strategica e logistica in zona di combattimento all'estero e in territorio italiano.
E non solo: l'AVES assume un ruolo di primissimo piano in caso di calamità naturali e maxiemergenze sanitarie nazionali. L'Arma utilizza aerei ad ala fissa adibiti a trasporto militare e sanitario, ricognizione, esplorazione, osservazione dei tiri; ma la componente più numerosa è quella degli elicotteri: ne possiede ben duecentocinquanta, suddivisi in tre Gruppi Squadroni AVES per le attività addestrative trai quali ricordiamo il 21° Gruppo Squadroni AVES "Orsa Maggiore" di Elmas, una Brigata AVES (tre reggimenti, un reparto elicotteri operazioni speciali REOS un gruppo squadroni "Tucano" e uno squadrone ITALAIR per i contingenti ONU all'estero) nonché due Reggimenti AVES inquadrati nella brigata Aeromobile "Friuli" e quattro Reggimenti di sostegno tecnico-logistico.
In Sardegna,inoltre, fino a qualche anno fa (2005) operava il 399.mo Gruppo Squadroni AVES "Drago" che era di stanza all'aeroporto militare di Fertilia, reparto disciolto diversi anni dopo che l'Ammiraglio Fulvio Martini, ex-Direttore del SISMI, decretò la fine della Organizzazione Militare Speciale NATO "S/B" (NATO Stay Behind) impropriamente chiamata "Gladio" .
 
L' Aviazione dell'Esercito possiede le seguenti aeromobili:
 
Ad ala fissa:
 
Piaggio P-180 ( trasporto VIP FF.AA. e trasporti sanitari secondari urgenti organi plasma e farmaci particolari) 
Dornier  Do. 228 (trasporo tattico e trasporti secondari sanitari)
 
Ad ala rotante:
 
Agusta AB- 205
Agusta AB-206  
Agusta AB- 212
Agusta AB-412
Agusta A - 109
Agusta A - 129
Boeing CH - 47 Chinook
NH Industries NH-90
 
 
Cinquantotto anni ma non li dimostra affatto.
 
ECCO IL VIDEO PROMO Di CIRCA UN MINUTO REALIZZATO DALL' AVIAZIONE DELL' ESERCITO:
per guardare il video clicca sulla immagine
 
58th Anniversary of the Italian Army Aviation
 
PROMO AVIAZIONE ESERCITO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L 19 E Bird Dog velivolo da ricognizione per osservatori dei tiri d'artiglieria
 
 
I vecchi Agusta Bell AB 47 J ( li ricordo molto bene quando atterravano a Prato Sardo)
 
 
 
e dal passato all'ultima generazione di elicotteri: l'NH-90 
 
 
l'elicottero da esplorazione e scorta EES AB-129 G-13
 
 
 
 
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 16/5/2009 alle 19:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio