Blog: http://enzocumpostu.ilcannocchiale.it

DONATO FEZZUOGLIO DIECI ANNI DOPO

DALLA PAGINA FACEBOOK DEL SOTTOSCRITTO OGGI 30 GENNAIO 2016

Umbertide non è soltanto una delle più splendide e rinomate cittadine medioevali dell'Umbria.
La cronaca purtroppo ci ricollega a quel tristissimo episodio del 30 gennaio 2006 quando durante un normale servizio di pattugliamento stradale e perlustrazione una pattuglia del Nucleo Radiomobile CC con a bordo il Carabiniere Scelto Donato Fezzuoglio e l'Appuntato Enrico Monti si era recata, prontamente e su richiesta del NORM di Città di Castello nei pressi della filiale dei Monti Paschi di Siena della cittadina del perugino (famosa anche perché in quel periodo si giravano le scene del serial tv "Don Matteo" di RAIUNO) banca all'interno della quale si stava consumando una rapina a mano armata.

Tra loro vennero poi individuati e riconosciuti fior di criminali come Raffaele Arzu di Talana e Pietro Pala di Marsciano ma dalle chiare e palesi origini sarde, entrambi beccandosi l'ergastolo confermato nel 2014, e l'orunese Ivo Carta, autista della Lancia thema con la quale Pala si dileguò, ucciso meno di sei mesi dopo a Orune con undici fucilate in un bar. Undici fucilate calibro dodici su tutto il corpo e che spezzarono letteralmente le braccia al pregiudicato.
Vendetta, dissero subito gli inquirenti; per essersi deileguato costringendo Arzu a reperire un auto di fortuna, esplodendo colpi di pistola contro auto che passavano e gambizzando i conducenti i quali venivano poi gettati per terra per poi allontanarsi a velocità elevatissima.

Donato Fezzuoglio, il quale non dimentichiamo fu colpito a morte alle spalle, venne insignito dal Presidente della Repubblica dell'onorificenza di Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria, con la seguente motivazione:

"...Nel corso di servizio perlustrativo, palesando spiccate doti di coraggio, ferma determinazione e cosciente sprezzo del pericolo, non esitava ad a montare, unitamente ad altro militare, tre pericolosi malviventi sorpresi in flagrante rapina ai danni di un istituto di credito. esponendosi alla violenta azione di fuoco dei malfattori, replicava con l'arma in dotazione costringendo alla fuga i rapinatori finchè, attinto da un colpo proditoriamente esplosogli alle spalle da altro rapinatore in posizione defilata si accasciava esanime al suolo. Fulgido esempio di eroismo, di elette virtù militari ed altissimo senso del dovere, spinti fino all'estremo sacrificio..."
30 gennaio 2006 Umbertide (PG)

*********************************************

Nei primi anni del boom del social network ideato da Mark Zuckerberg, adesso posso dirlo senza nessun problema: con Emanuela, moglie di Donato Fezzuoglio e madre del figlio Michele che gli aveva dato pochi mesi prima, eravamo contatti di Facebook .
Una dolce e bellissima donna, alla quale chiesi se fosse mai stata in Sardegna e, se capitava ciò, sarei stato felice di incontrarla, di parlarci.
Lei mi disse di sì, mi disse che tramite l'O.N.A.O.M.A.C. (o forse l'ANC non ricordo bene a dre il vero) aveva soggiornato in una famosa località turistica della costa orientale sarda tra l'altro non molto distante dalla mia casetta marina.

" Se alcuni sardi hanno fatto del male a me, a mio figlio, privandoci di Donato questo non significa che tutti i sardi sono colpevoli; i sardi sono belle persone e nulla hanno a che fare con questi criminali"

Credo che abbia detto tutto: se è vero che da un detenuto potenzialmente, attraverso piani rieducativi ben studiati da gente COMPETENTE e CON ALTISSIME DOTI UMANE può benissimo trasformars in un cittadino italiano modello, ritengo che sia altrettanto vero che l'Italia ha bisogno di dieci, cento, mille ufficiali dei Carabinieri come Enrico Barisone e quelli della scuola di Dalla Chiesa e tanti altri.

Quelli (detenuti incensurati o detenuti pregiudicati) con i quali funzionano buon senso e raziocinio bene, tanto di guadagnato per loro, le loro famiglie, la società.

Per gli altri, i criminali irreversibilmente sanguinari, freddi e che non tornano sui loro passi, lo Stato le soluzioni le trova sempre: definitive, state tranquilli e sereni. 
Destra o sinistra poco importa.

(immagine web: www . lanazione . it )








Pubblicato il 30/1/2016 alle 20.54 nella rubrica Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web